Flex Longboard

Tavola morbida o tavola rigida?

Oggi ti parlo della differenza tra tavole longboard rigide e flessibili. Quali sono i pro e i contro di uno e dell’altro tipo?

Le tavole morbide, spesso dette volgarmente “tavole flex” sono diventate famose con il successo di Loaded Boards. La tavola chiave che ha fatto spiccare il volo al marchio californiano si chiama Vanguard ed ha letteralmente introdotto un nuovo trend in questo mondo. La particolarità e l’innovazione a suo tempo di questa tavola erano nella costruzione. Una serie di piccoli listelli di bamboo laminati verticalmente. Una costruzione completamente nuova per il mondo dello skate, dove fino a quel momento si parlava solo di laminazioni orizzontali (quelle dei classici skate per capirci). La costruzione Loaded permise di introdurre tavole molto flessibili ma allo stesso tempo praticamente indistruttibili. Pensa che anche passando con una macchina sopra la tavola non si rompe. Si piega fino a toccare terra per poi tornare alla sua forma iniziale! Fatto questo piccolo cenno sulla storia veniamo al dunque. Quali sono i vantaggi e svantaggi di una tavola di questo tipo?

Giacomo Galli – no comply

Longboard flessibili

I longboard morbidi offrono una sensazione di galleggiamento fantastica che ricrea la sensazione di uno snowboard in neve fresca. Non a caso il Loaded Vanguard nasceva proprio per questo. Per ricreare la sensazione dello snowboard e offrire agli snowboarder un mezzo su cui potersi allenare e divertire quando non c’era neve. In realtà il successo di questa tavola andò molto oltre, perché quella sensazione piacque a tutto il mondo: snowboarder, surfisti e anche a chi non era mai salito su uno skate. Le tavole con flex morbidi sono più facili delle rigide, perché il flex morbido fa da “filtro” ai movimenti sbagliati e alle reazioni impreviste della tavola rendendo tutto un pò più dolce. Il flex inoltre, quando si prende confidenza, può essere usato per ottenere rebound cioè una spinta dalla tavola che permette di accelerare sfruttando la tecnica del pumping. Ora vediamo anche i contro dei flex. Il primo limite delle tavole morbide è la velocità. Se vogliamo usarle in discesa a velocità sopra i 40 Km/h, il flex diventa un problema, perché la tavola ha una reazione meno veloce e precisa ai nostri comandi. Alle alte velocità inoltre il flex si può innescare quando non vogliamo. Pensa ad esempio di prendere un leggero avvallamento ai 50 Km/h con la tavola che comincia a fare su e giù come sulle reti. Non è certo la condizione migliore in cui trovarsi. Per capirci comunque parliamo di alte velocità, in leggere discese il flex raramente è un problema. L’altro limite di una tavola flex è nel freestyle avanzato. Chi ne fa un uso estremo, con manovre in stile skate come flip, scalinate e cose simili, con un flex morbido potrebbe trovarsi a toccare a terra ad ogni atterraggio. Ecco allora una breve tabella dei pro e contro delle tavole con flex morbido.

Facili da usare Prezzo
Buone doti di pumping Controllo alle alte velocità
Sensazione snowboard Tricks skate
Resistenza

Come scegliere il flex

Le “tavole flex” spesso offrono vari tipi di flessibilità. Come scegliere il giusto flex? Prima di tutto se ne hai l’occasione provala. Un amico, il tuo negozio di fiducia magari ne ha una, se ne hai l’occasione provarla è la cosa migliore. Se non hai modo di salire sulla tavola affidati alle tabelle del costruttore. Prendiamo ad esempio la Icarus di Loaded. Abbiamo due flex a disposizione:

Flex 1: 170-270+ lbs / 75-115+ kg
Flex 2: 75-200+ lbs / 35-90+ kg

Come vedi i due flex si sovrappongono e non di poco. Se pesi 75 Kg ad esempio, rientri in entrambi i flex. Se non sei esperto scegli semplicemente quello in cui rientri meglio nel range. In questo caso saresti al centro del flex 2. Se pesi 90 Kg allo stesso modo meglio il Flex 1. Quindi per concludere scegli il flex che calza meglio con il tuo peso.

Due Loaded Icarus di flex differente.

Longboard Rigidi

Veniamo ora ai longboard rigidi, o stiff in inglese. I longboard rigidi sono i più tradizionali. Non hanno controindicazioni per i principianti e ricreano generalmente una sensazione più surf. In media sono più economici dei longboard morbidi, perché hanno una costruzione più semplice, ma esistono varie eccezioni. Quindi prima di tutto tra i vantaggi possiamo mettere il prezzo. Il vantaggio più significativo è la reattività e la stabilità alle alte velocità. Per questo motivo quando si parla di tavole downhill, quelle rigide sono le preferite. Oltre a questo i longboard rigidi sono spesso preferiti da chi ne fa un uso freestyle, cioè chi usa il longboard per fare manovre skate come ollie, flip, shove it e così via. Le tavole rigide non hanno dei veri e propri limiti rispetto alle altre ma hanno un comportamento e una sensazione molto differente. Ecco un riassunto dei pro e contro.

Prezzo accessibile Resistenza alla flessione
Sensazione surf Trasmettono più vibrazioni
Controllo alte velocità Più difficili nel pumping
Reattività
Sunset longboarding al porto di Rimini

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *