La dopamina genera dipendenza, che causa il pensiero ossessivo verso quando sarà la nostra prossima sessione. Ma una volta che le onde e il vento arrivano (la nostra “ricompensa inattesa”), siamo tutti improvvisamente più felici, più rilassati, più amichevoli. Le endorfine, l’adrenalina, e la serotonina che produciamo a livello chimico non solo ci fanno stare bene, ma ci fanno desiderare di averne ancora di più.”

Allo stesso modo di come arriva ho scoperto negli anni che questa dipendenza cala se per un periodo di tempo smettiamo per qualsiasi motivo di fare i nostri sport. Per esempio se a causa del lavoro per un periodo di 6 mesi non facciamo kite quel desiderio irrefrenabile si placa e risulta molto più gestibile…. Ma la cosa fantastica è il rovescio della medaglia, perchè appena torniamo in acqua, dopo la prima bella uscita siamo di nuovo punto e a capo! Rassegnatevi ragazzi non c’è cura 😀 😀

“The fact is, if we’re not surfing, we’re thinking about surfing, and that’s just in our nature”- Jenna Goldberg